Signori biglietti

Nella cultura partenopea, uno dei valori inderogabili è la virilità maschile. È proprio a questo valore che Giovanni Rescigno si è ispirato nello scrivere ''Signori, biglietti!''. L'opera, risalente presumibilmente agli anni 30 del secolo scorso, narra con particolare ironia il dramma in cui piomba la famiglia Provolone al rientro della figlia e del genero dal viaggio di nozze. Il tentativo maldestro di porre rimedio all'inaccettabile situazione genera una sequenza di equivoci a catena... come finirà?